1
     
  • Grandi Scalinate
  • civile drone
3
2

Melanoma: protocollo diagnostico e terapeutico

 

Dermatologia Oncologica Preventiva e Melanoma - Responsabile Dr.ssa Ausilia Maria Manganoni

Clinica Dermatologica, Spedali Civili Brescia - Direttore Prof. Piergiacomo Calzavara-Pinton

 

 

Il presente protocollo è stato elaborato sulla base dell’American Joint Committee on Cancer (AJCC) Staging Classification e dei dati più recenti rilevati in letteratura, in tema di diagnosi, trattamento e follow-up del melanoma. L'AJCC ha stabilito il sistema di staging ufficiale sul melanoma al quale si rimanda per ogni riferimento, lettura e/o approfondimento. [Charles M. Balch, Jeffrey E. Gershenwald, et al.The Final Version of 2009 AJCC Melanoma Staging and Classification]

Sono previste integrazioni in base agli aggiornamenti della Rete Oncologica Lombarda (ROL).

 

1. Parte introduttiva

 

Il melanoma cutaneo è un tumore maligno che origina dai melanociti della cute e delle mucose o, molto più raramente, dai melanociti posti in sedi extracutanee (occhio, orecchio interno, meningi ecc.). L'incidenza del melanoma è in rapido aumento (più velocemente rispetto a ogni altra neoplasia). Colpisce prevalentemente soggetti di razza bianca, con uguale distribuzione nei due sessi ed è rarissimo prima della pubertà. L’età massima d’incidenza è compresa fra il 4° e il 6° decennio di vita.

 

2. Prevenzione del melanoma

 

Negli ultimi anni il melanoma cutaneo ha avuto un notevole aumento d’incidenza anche nel nostro paese. Questo tumore è caratterizzato da una fase in cui non presenta una grande aggressività biologica. La conoscenza della morfologia clinica che caratterizza questa fase permette di giungere a una diagnosi precoce e, con un semplice intervento chirurgico, a salvare la vita del paziente.

Si riconoscono fattori di rischio legati all'ospite e fattori di rischio legati all'ambiente:

 

a) Fattori di rischio legati all'ospite

 

?  Presenza di una predisposizione familiare; il melanoma familiare costituisce il 10% circa di tutti i melanomi;

?  Presenza di un elevato numero di nevi (superiore a 50) e di nevi congeniti. La percentuale di melanoma che insorge su un nevo preesistente varia dal 20 all'80%, secondo le casistiche. Il melanoma può insorgere su un nevo melanocitico acquisito o congenito o in contiguità con esso;

?  Presenza di nevi clinicamente atipici (denominati in passato "displastici");

?  Presenza di un fenotipo a pelle chiara, con occhi e capelli chiari.

 

 

b) Fattori di rischio legati all'ambiente

 

L'importanza del sole come fattore di rischio per lo sviluppo del melanoma è ancora oggetto di discussione. Recenti dati epidemiologici hanno evidenziato come il fattore di rischio sia rappresentato non dalla fotoesposizione cronica ai raggi ultravioletti, ma dalle ustioni solari avvenute in età giovanile, specie in soggetti con pelle chiara che si scotta facilmente e si abbronza con molta difficoltà. Non esiste pertanto una proibizione assoluta alla fotoesposizione, ma il consiglio è di prendere il sole, fin dall'età infantile in maniera moderata, evitando gli eccessi e le ustioni ad essa conseguenti. La vita all’aria aperta è riportata invece essere un fattore protettivo perché comporta una riduzione del rischio d’insorgenza del tumore.

 

3. Diagnosi clinica

 

Dal punto di vista preventivo e per una corretta diagnosi clinica di sospetta lesione cutanea atipica è necessario visitare la cute e le mucose visibili con il paziente completamente spogliato e con un’adeguata illuminazione.

E' necessario in particolare osservare sedi che il paziente difficilmente osserva da solo, come spazi interdigitali dei piedi, le piante dei piedi, il capillizio, le unghie, le regioni auricolari e i genitali.

Le caratteristiche semeiologiche che permettono il sospetto diagnostico di melanoma sono riassunte nella formula dell'ABCDE:

A= ASIMMETRIA

B= BORDI

C= COLORE

D= DIMENSIONI

E= EVOLUZIONE

 

L'attento esame obiettivo di una lesione pigmentata, da parte di un clinico esperto, rimane a tutt'oggi il passaggio fondamentale che consente clinicamente di porre diagnosi di melanoma.

 

4. Dermoscopia o epiluminescenza o dermocapillaroscopia digitale o videodermatoscopia digitale o videodermoscopia

 

In questi ultimi anni si stanno sviluppando tecnologie tendenti a migliorare l'accuratezza diagnostica del clinico. La visione della lesione clinica ingrandita mediante l'impiego del dermatoscopio, o di videodermatoscopio, o fino a 60 volte (uso di un microscopio operatorio) dopo aver reso trasparente lo strato corneo mediante l'applicazione di olio sulla superficie cutanea permette di studiare in vivo strutture pigmentate presenti nell'epidermide e derma.

Sono stati così identificati dei criteri morfologici complessi che permettono di riconoscere le neoformazioni melanocitarie da quelle di altra natura. Si cerca, inoltre, di identificare criteri che permettano di distinguere le lesioni benigne da quelle maligne.

L’epiluminescenza è un esame strumentale non invasivo della superficie cutanea in grado di evidenziare strutture epidermiche e dermiche non apprezzabili ad occhio nudo.

La metodica maggiormente utilizzata è l’osservazione digitale in epiluminescenza con archiviazione delle immagini e consiste nell'utilizzo di un mezzo interposto tra aria e cute, generalmente gel od olio, al fine di rendere traslucido lo strato corneo ed osservare pattern sottocutanei che corrispondono a precisi corrispettivi istologici.

La videodermatoscopia con archiviazione delle immagini è composta di:

?  Un sistema centrale computerizzato;

?  Una sonda costituita da un terminale video-ottico contenente la microtelecamera a colori ad alta risoluzione

?  Obiettivi forniti di una sorgente luminosa a luce fredda integrata e di un potere di ingrandimento specifico per i differenti tipi di analisi

- 1:1 panoramica

- 1:20 caratteri dermoscopici

- 1:50 e 1:200 caratteri dermocapillaroscopici

La videodermatoscopia digitale è un esame indolore per il paziente, di rapida esecuzione, che consente la valutazione approfondita, se effettuata da un clinico esperto, del dato osservato e consente di affinare significativamente la diagnosi delle lesioni pigmentate.

La videodermatoscopia digitale è una metodica non invasiva all'avanguardia per la diagnosi precoce del melanoma: in particolare aumenta la capacità di individuare melanomi in fase iniziale. Il melanoma è un tumore maligno grave che se diagnosticato precocemente presenta tuttavia un'ottima prognosi: per questo motivo negli ultimi anni vi è stato un incremento di metodiche non invasive ed un impulso notevole alla ricerca avanzata. Questa tecnica, infatti, permette, se eseguita dal dermatologo esperto, di aumentare la specificità diagnostica rispetto al solo esame clinico e consente anche di evitare molte asportazioni non necessarie di lesioni benigne.

È tuttavia importante ricordare che la metodica strumentale diagnostica deve essere sempre integrata dall’anamnesi e dall’indicazione particolareggiata delle caratteristiche cliniche delle lesioni pigmentate.

È indispensabile sottolineare che la diagnosi dermoscopica è utile a complemento dell’inquadramento clinico, ma che sia pur sempre una diagnosi sospetta che deve essere confermata nel dubbio di atipica dall’osservazione istopatologica dopo asportazione completa della lesione.

La refertazione in Dermatologia Oncologica Preventiva, Unità Funzionale Interdipartimentale Melanoma, è suddivisa in vari momenti:

-  Fase anamnestica comprensiva, per l’ambito oncologico, di compilazione della cartella clinica cartacea

-  Digitalizzazione

-  Catalogazione

-  Archiviazione

 

5. La cartella clinica del paziente con melanoma

 

Le cartelle cliniche cartacee sono compilate esclusivamente per la patologia oncologica e sono raggruppate in raccoglitori, cioè in cartelle dalla copertina rigida che si chiudono con tre lacci. Sono un po’ più grandi delle cartelle cliniche, appunto perché le devono contenere.

I faldoni sono suddivisi per anno di diagnosi, sono archiviati per cognome in ordine alfabetico e sono sistemati in posizione verticale in fila sullo scaffale in appositi armadi collocati presso il box accettazione. Gli armadi sono forniti di serratura con chiave, quest’ultima conservata dall’infermiere responsabile.

I raccoglitori sono suddivisi a seconda della patologia e sono identificati in base alla dicitura riportata sul margine esterno rigido del faldone:

-  Melanomi (i cui faldoni occupano la parte più consistente)

-  Tumori rari (sarcoma di Kaposi, fibrosarcoma protuberans, angiosarcoma, schwannoma, tumore di Merkel, carcinoma squamoso e baso-squamoso, carcinomi multicentrici).

 

Per la fase di digitalizzazione abbiamo creato un data-base elettronico, protetto da password d’accesso, comprensivo dei dati anagrafici del paziente e dei criteri istopatologici descrittivi della patologia di base.

La diagnostica non invasiva è supportata dalla videodermatoscopia, cioè dall’osservazione digitale in epiluminescenza con archiviazione delle immagini e consiste nell'utilizzo di un mezzo interposto tra aria e cute, generalmente gel od olio, al fine di rendere traslucido lo strato corneo ed osservare pattern sottocutanei che corrispondono a precisi corrispettivi istologici.

 

Il paziente, al termine della visita dermoncologica, è informato e provvisto di materiale cartaceo comprensivo di refertazione clinica (se necessario di documentazione fotografica) che il paziente provvederà a consegnare al Medico di Medicina Generale.

 

6. “L’universo melanoma”

 

Nel Gruppo Multidisciplinare sono previste competenze specifiche, ma anche uniformità operativa. Vengono applicate linee guida comuni, riportate nel seguente protocollo diagnostico-terapeutico, al fine di consentire unitarietà di indirizzi diagnostici, terapeutici, di follow-up. È prevista un’attività lavorativa “per processi” coerente all’esigenza del processo stesso (malattia); l’obiettivo è l’attuazione di interventi diagnostico-terapeutici che possono risultare efficaci nel controllo della malattia, garantendo all’interno dell’Azienda un’assistenza qualificata al paziente.

 

7. Realizzazione del processo organizzativo

Sono previste le seguenti fasi operative della malattia:

 

1)  Individuazione

Fase di Prevenzione: è di competenza del dermatologo specialista in patologia pigmentaria, prendendo in considerazione i fattori di rischio per lo sviluppo del melanoma (fattori di rischio legati all’ospite e all'ambiente)

 

2)  Terapeutica del melanoma primitivo cutaneo

Fase Chirurgica del melanoma primitivo cutaneo

a.  Terapia chirurgica della lesione cutanea primitiva: è di competenza dello specialista (dermatologo/chirurgo/ chirurgo plastico) che visita il paziente in prima istanza;

b.  Intervento di radicalizzazione: è di competenza dello specialista (dermatologo/chirurgo/ chirurgo plastico) che rispetta con rigore i margini chirurgici previsti;

c.  Intervento di radicalizzazione in contemporanea alla ricerca del linfonodo sentinella: è di competenza del chirurgo di riferimento.

 

3)  Diagnostica Istopatologica

Vengono definiti i caratteri morfologici istopatologici che definiscono i momenti differenti di progressione tumorale: sono di competenza del patologo repertante

 

4)  Terapeutica del melanoma per i casi candidati a terapia medica

Casi candidati a terapia medica: sono di competenza dell’oncologo medico che valuta il paziente.

 

8. Protocollo diagnostico sulla base dell'American Joint Committee on Cancer (AJCC)

 

L'American Joint Committee on Cancer (AJCC) ha stabilito il sistema di staging ufficiale sul melanoma (TNM).

 

-  Stadiazione postchirurgica su T

Le principali modifiche risultano essere nella categoria T: lo spessore del tumore, la presenza o assenza di ulcerazione e la presenza di mitosi.

 

TX Il tumore primitivo non può essere valutato (es. per curettage o regressione del melanoma)

T0 Nessuna evidenza di tumore primitivo

Tis Melanoma in situ

T1 Melanoma di spessore uguale o inferiore a 1.0 mm

T1a: assenza di ulcerazione e mitosi <1/mmq

T1b: presenza di ulcerazione e mitosi =1/mmq

T2 Melanoma di spessore 1.01–2.0 mm

T2a: assenza di ulcerazione

T2b: presenza di ulcerazione

T3 Melanoma di spessore 2.01–4.0 mm

T3a: assenza di ulcerazione

T3b: presenza di ulcerazione

T4 Melanoma di spessore superiore a 4.0 mm

T4a: assenza di ulcerazione

T4b: presenza di ulcerazione

 

 

-  Stadiazione clinica/chirurgica di N

La stadiazione clinica prevede l’esame obiettivo eventualmente supportato da indagini strumentali.

La stadiazione chirurgica verrà definita nei casi previsti in cui venga eseguita la ricerca del linfonodo sentinella.

Nei casi in cui è prevista (AJCC staging), l'introduzione della tecnica della ricerca del linfonodo sentinella associata a linfoscintigrafia ha cambiato l'abilità di stadiare i pazienti consentendo una maggior accuratezza diagnostica. Le informazioni derivanti dalla valutazione del linfonodo sentinella hanno un impatto determinante nel melanoma. Una nuova convenzione viene impiegata per definire lo stadio clinico-patologico che consenta di considerare informazioni ottenute dall'espletamento della linfoadenectomia selettiva.

La necessità di ottenere informazioni istopatologiche è dimostrata dalla diversità di sopravvivenza a 5 anni in pazienti con linfonodi clinicamente negativi valutati dopo l'espletamento della ricerca del linfonodo sentinella con stadiazione patologica. La differenza di sopravvivenza è così evidente che l’AJCC Melanoma Committee raccomanda fortemente di espletare la linfoadenectomia selettiva a secondo della "categoria" T (la descrizione dedicata è sintetizzata più avanti nell’elaborato).

L'American Joint Committee on Cancer ha infatti identificato, nella categoria N, tre fattori determinanti:

-  Il numero dei linfonodi metastatici;

-  Se i linfonodi metastatici sono clinicamente occulti o clinicamente apparenti;

-  La presenza o assenza di ulcerazione del tumore primitivo.

 

 

NX Le stazioni linfonodali non possono essere valutate (per es. in caso di pregressa linfoadenectomia)

N0 Assenza di metastasi linfonodali

N1  1 linfonodo con metastasi

a: micrometastasi

b: macrometastasi

N2 2–3 linfonodi

a: micrometastasi

b: macrometastasi

c: metastasi in transit/satellite senza linfonodi metastatici

N3 4 o più linfonodi metastatici, metastasi in transit/satellite con linfonodi metastatici.

 

 

-  Stadiazione strumentale di M

Si prevede di differenziare l'iter di studio in base ad una stima della possibilità di individuare metastasi.

Nella categoria M la presenza di metastasi non viscerali è associata ad una prognosi migliore rispetto alla presenza di metastasi viscerali.

 

M0 Non evidenza di metastasi a distanza

M1a Metastasi cutanee o sottocutanee a distanza o linfonodi distanti

M1b Metastasi polmonari

M1c Metastasi viscerali o a distanza associato a elevate livelli sierici di LDH

 

La stadiazione e la valutazione del paziente con melanoma è importante per:

-  selezionare una scelta terapeutica;

-  pianificare un follow-up;

-  stabilire la prognosi.

In base allo stadio TNM si identificano fasi diverse di malattia:

 

STADIO 0    Tis N0 M0

STADIO IA  T1aN0M0

STADIO IB  T1b N0 M0,  T2aN0M0

STADIO IIA  T2bN0M0,  T3aN0M0

STADIO IIB  T3b N0M0,  T4aN0M0 

STADIO IIC  T4bN0M0

STADIO III  qualsiasi T,  =N1,  M0

  IIIA  T1-4a N1a M0

  T1-4a  N2a M0

  IIIB   T1-4b N1a M0

T1-4b N2a M0

T1-4a N1b M0

T1-4a N2b M0

T1-4a N2c M0

IIIC   T1-4b N1b M0

T1-4b N2b M0

T1-4b N2c M0

qualsiasi T N3 M0

STADIO IV  qualsiasi T, qualsiasi N, M1

 

9. Criteri istopatologici

 

I parametri istopatologici che vengono inclusi nella risposta dell’anatomopatologo comprendono:

 

?  Istotipo

o  Melanoma in situ di tipo:

-  a diffusione superficiale (Superficial spreading melanoma)

-  lentigo maligna (Lentigo maligna melanoma)

-  acro-lentiginoso (Melanoma “acro-lentiginoso”)

-  indeterminato

o  Melanoma invasivo

§  privo di componente intraepidermica (Melanoma nodulare)

§  con componente intraepidermica di tipo:

-  a diffusione superficiale (Superficial spreading melanoma)

-  lentigo maligna (Lentigo maligna melanoma)

-  acro-lentiginoso (Melanoma “acro-lentiginoso”)

-  indeterminato

 

?  Profondità di invasione secondo Breslow

?  Livello di invasione secondo Clark

?  Ulcerazione: assente/presente (>3 mm di lato)

?  Mitosi: numero/mmq di neoplasia invasiva

?  Fase di crescita verticale (sec. Elder): presente, a cellule epitelioidi

o  presente, a cellule fusate

o  presente, a cellule epitelioidi e fusate

o  assente  

?  Infiltrazione linfocitaria intratumorale (TIL): assente

o  presente, lieve (“non-brisk”)

o  presente, marcata (“brisk”)

?  Reazione linfoide peritumorale:

o  lieve/assente

o  marcata

?  Autoregressione:

o  assente

o  presente

?  Invasione Vascolare:

o  assente

o  presente

?  Satellitosi:

o  assente

o  presente

?  Valutazione dei margini chirurgici:

o  Margini laterali:

§  liberi (indicare la distanza minima valutata all’osservazione microscopica)

§  direttamente interessati dalla neoplasia

o  Margini profondi:

§  liberi da neoplasia

§  interessati dalla neoplasia

?  Nevo associato al melanoma:

o  di tipo “usuale”

o  di tipo congenito

o  di tipo displastico (Clark)

 

10. Protocollo terapeutico

 

?  Terapia chirurgica del melanoma primario

 

La terapia chirurgica è il trattamento di scelta del melanoma che ancora non abbia superato le barriere regionali. La recidiva in sede di intervento, se la tecnica è stata corretta, è un evento assolutamente raro (<5%). La scelta del trattamento chirurgico è basata sulle seguenti considerazioni:

o  la terapia chirurgica "adeguata" evita la recidiva locale;

o  l'escissione del melanoma primario, non è, quando siano rispettate le modalità sottoindicate, causa di una disseminazione di cellule neoplastiche.

Si riportano brevemente le "semplici ma necessarie raccomandazioni" riportate in letteratura in "Linee guida per il trattamento del melanoma cutaneo primitivo che non ha evidenza clinico-istologica di malattia regionale o metastatica" da una “task force” di riconosciuti esperti sul melanoma e di seguito schematizzate:

 

  1. ogni lesione pigmentata sospetta deve essere asportata ai fini diagnostici (ogni volta che è possibile) con margine sottile; le cellule di melanoma hanno la capacità di migrare localmente dal tumore primitivo, estendendosi in superficie o in profondità. Il goal della terapia chirurgica del melanoma di qualsiasi spessore risulti, è di assicurare la completa escissione della lesione; l'escissione completa con negatività dei margini deve essere successivamente confermata dal patologo che valuta i preparati;
  2. l'espletamento di biopsia incisionale, cioè l’asportazione di una parte della lesione a scopo diagnostico, anche se non ha alcuna influenza sulla sopravvivenza, deve essere limitata ai seguenti casi:
    1. alla presenza di lesioni ampie
    2. sedi impraticabili dal punto di vista chirurgico (ad es. volto, subungueale, nevi congeniti giganti, mucose, ecc)
    3. quando la biopsia escissionale comporterebbe interventi complessi e demolitivi.
  3. non si deve impiegare ai fini diagnostici, sul tumore primitivo, l'esame citologico di fine needle aspirazione;
  4. poiché la diagnosi di melanoma è spesso difficile, sia clinicamente sia istologicamente, la "task force" raccomanda che l'interpretazione istologica di ogni lesione sospetta venga espletata da patologi esperti nella diagnosi di lesioni pigmentate.

 

L'intervento da eseguire per ogni lesione clinicamente dubbia o sospetta di essere melanoma, è pertanto l'escissione in toto della neoformazione con un margine di tessuto non eccedente i 3 mm (BIOPSIA ESCISSIONALE). Se il patologo, con il quale il clinico dovrebbe mantenere una stretta comunicazione informativa, conferma la diagnosi di melanoma, deve essere eseguito l'intervento "radicale".

Lo studio della letteratura più recente conferma i seguenti criteri:

o  la necessità di estendere l'escissione in profondità; l'exeresi deve infatti comprendere il tessuto sottocutaneo arrivando fino alla fascia muscolare, che non viene escissa;

o  il rispetto dei margini di resezione chirurgica descritti in letteratura (riportati qui di seguito).

 

Margini di resezione chirurgica previsti per il melanoma confermato istologicamente: si determinano dopo aver valutato i margini liberi dal tumore riportati dall’istologo sul referto e in base alle caratteristiche istologiche del Melanoma stesso a cui corrisponde un preciso stadio pT (in base a spessore secondo Breslow, numero di Mitosi/mmq, presenza/assenza di ulcerazione)

 

?  pTis (Melanoma in situ): Radicalizzazione a 5 mm dai margini, esclusa fascia muscolare.

?  pT1a:  Radicalizzazione a 10 mm dai margini della pregressa cicatrice, esclusa fascia muscolare.

?  pT1b, pT2a, pT2b: Radicalizzazione a 10 mm dai margini della pregressa cicatrice, esclusa fascia muscolare contestualmente alla biopsia del linfonodo sentinella.

?  pT3a, pT3b, pT4a, pT4b: Radicalizzazione a 20 mm dai margini, esclusa fascia muscolare contestualmente alla biopsia del linfonodo sentinella.

?  Casi particolari: La sopraindicata linea di condotta chirurgica non può essere seguita in ogni condizione: il volto e le dita costituiscono due deroghe fondamentali.  Quanto al volto, l'escissione deve tendere al margine libero prescritto, tenendo però conto che l'escissione deve essere tale da consentire riparazioni plastiche soddisfacenti. Alle dita, nel caso di una localizzazione alla falange distale (es. subungueale) è prevista una disarticolazione completa del dito (eccezione per il 1^ dove si deve tentare di mantenere la funzione).  Le localizzazioni alle falangi prossimali comportano, per lesioni >2 mm, la disarticolazione del metatarso (o metacarpo). In caso di coinvolgimento dello spazio interdigitale vanno disarticolati ambedue i metatarsi (o metacarpi) interessati.

 

Terapia chirurgica del melanoma primario sottoposto presso altre strutture ad intervento di exeresi chirurgica:

1.  Valutare se emergono i caratteri morfologici istopatologici che definiscono i momenti differenti della progressione tumorale. Il patologo refertante specificherà i criteri istopatologici determinanti e previsti dall’AJCC

2.  Per i casi in cui vi sia evidenza istologica o clinica di margini inadeguati, è indicato l'intervento "radicale", ovviamente dopo aver informato il paziente e aver valutato, in conformità alla stadiazione AJCC se sia o meno necessaria l’esecuzione della linea operativa per la linfoadenectomia selettiva.

 

?  Il linfonodo sentinella

 

Indicazioni alla biopsia, tecnica e significato nel melanoma.

La maggior parte dei pazienti a cui viene diagnosticato per la prima volta un Melanoma, si presenta con una malattia clinicamente localizzata e quindi senza metastasi linfonodali clinicamente evidenziabili. Molti di questi pazienti comunque hanno tumori primitivi di spessore elevato o intermedio (Breslow > 1mm) e quindi potrebbero essere portatori di metastasi linfonodali microscopiche.

La tecnica per scoprire la presenza di micrometastasi ai linfonodi regionali (Morton) è quella di identificazione e biopsia del linfonodo sentinella (linfoadenectomia selettiva).

 

Si definisce LINFONODO SENTINELLA il linfonodo che per primo drena la linfa di un territorio cutaneo specifico e finito all'interno di un bacino linfonodale. Il presupposto teorico è che la valutazione del linfonodo sentinella consenta di predire con accuratezza se il melanoma ha metastatizzato o no in quel bacino linfonodale.

L'obiettivo della tecnica è quindi di determinare lo stadio istologico del bacino linfonodale, identificando ed eseguendo una biopsia del primo linfonodo drenante la linfa dalla regione cutanea in esame (linfonodo sentinella).

 

I pazienti candidati ad essere sottoposti a questa metodica sono quelli che si considerano a rischio per la presenza di metastasi linfonodali occulte.

 

Criteri di inclusione

Secondo la stadiazione AJCC sono da sottoporre a ricerca del linfonodo sentinella i pazienti che presentano: 

-  diagnosi istologica di melanoma confermata dal patologo

-  tumore primitivo con Breslow uguale o > 1mm

-  presenza di ulcerazione spontanea, indipendentemente dallo spessore secondo Breslow

-  per i melanomi con spessore secondo Breslow inferiore a 1 mm: presenza anche di  1 sola mitosi / mmq  per neoplasia

Recentemente, la Rete Oncologica Lombarda (ROL) ha proposto di abbassare la soglia dello spessore secondo Breslow a 0.76 mm, anche in assenza di mitosi e/o di ulcerazione, come criterio di inclusione per l’esecuzione del Linfonodo sentinella.

 

Criteri di esclusione

-  Presenza di metastasi linfonodali o a distanza

-  Riparazione dell'allargamento con lembi di rotazione/innesti

 

Linea operativa per la linfoadenectomia selettiva

Si procede all’espletamento dell’indagine linfoadenectomia selettiva in contemporanea all'intervento di ampliamento nei casi previsti dalla stadiazione AJCC. Per i casi che giungono ad osservazione successivamente all'intervento, verrà presa in considerazione l'opportunità dell'espletamento dell'indagine in funzione della stadiazione AJCC, compatibilmente all'assenza di controindicazioni (vedi criteri di esclusione).

Ai pazienti candidati ad essere sottoposti a linfoadenectomia selettiva, verranno chiaramente edotti sul quadro e successivamente si seguirà il seguente percorso, prima di procedere all’iter previsto:

?  raccolta anamnestica e  valutazione clinica accurata del mantello cutaneo, delle stazioni linfonodali laterocervicale, ascellare, inguinale;

?  stadiazione del paziente: TAC TOTAL BODY (cerebrale/torace/addome superiore e inferiore); se indicato Ecografia Linfonodale;

?  esami di preparazione all'intervento chirurgico (ECG ed esami ematochimici comprensivi di markers epatite e HIV)

?  valutazione co-morbidità che possono influire e non rendere attuabile il percorso previsto.

 

Tecnica del linfonodo sentinella

 

Il successo della tecnica dipende dall'integrazione di tre momenti:

1)  Determinazione pre-operatoria del bacino linfonodale a rischio, del numero e localizzazioni dei linfonodi sentinella all'interno del bacino. Tale determinazione viene effettuata nelle 24 ore precedenti l'intervento per mezzo di una linfoscintigrafia cutanea. L'uso della linfoscintigrafia pre-operatoria consente l'identificazione dei bacini linfonodali a rischio, del numero e localizzazione del linfonodo sentinella all'interno del bacino. La posizione del linfonodo sentinella viene indicativamente marcata sulla cute al termine dell'esame.

2)  Localizzazione intraoperatoria ed exeresi del linfonodo sentinella (linfoadenectomia selettiva) Entro le 24 ore successive all'esecuzione della linfoscintigrafia si procede all'intervento chirurgico, che viene effettuato in anestesia generale o spinale. Si iniettano in sede intradermica 1,5-2 ml di colorante (Patent Blue) in prossimità delle lesione primitiva (o della cicatrice dell'esito dell'exeresi precedente). Trascorso un intervallo di tempo di 5-10 minuti (tempo necessario al colorante per raggiungere attraverso i linfatici il bacino linfonodale ed accumularsi nel linfonodo sentinella), si procede all’incisione chirurguca in corrispondenza del bacino linfonodale satellite ove, il giorno prima, sono stati posti dei punti di repere cutaneo in corrispondenza del linfonodo sentinella. L’identificazione del linfonodo sentinella avviene mediante visualizzazione diretta, se questo si è colorato e/o con l’utilizzo di una sonda*, in grado di captare le radiazioni gamma, emesse dal linfonodo marcato. Legati i vasi linfatici e rimosso il linfonodo si verifica la emissione di radioattività del linfonodo lontano dal campo operatorio. Con la sonda si verifica quindi che non vi siano più fonti di emissione di raggi gamma nel campo operatorio e quindi si procede con la sutura a strati della ferita.

3)  L’uso di colloide solforoso contenente tecnenzio marcato associato ad un rivelatore manuale di raggi gamma (sonda operatoria), utilizzando intraoperatoriamente, rende possibile l’identificazione del linfonodo sentinella attraverso una incisione più piccola e migliora il grado di identificazione del linfonodo sentinella attraverso un’incisione più piccola e migliora il grado di identificazione fino a valori prossimi allo 100% (solo colorante~80%).

 

Valutazione anatomo-patologica del linfonodo sentinella

 

L’esame istologico di routine del linfonodo sottovaluta probabilmente la reale incidenza di metastasi linfonodali.

Affinché il “mapping” linfatico e la biopsia del linfonodo sentinella assicurino un’accurata ed utile tecnica di stadiazione è importante che il linfonodo sentinella sia esaminato con le tecniche più sensibili di quelle che attualmente rappresentano lo standard anatomopatologico per l’esame dei linfonodi.  Queste vengono infatti integrate da tecniche istochimiche (es. S-100 e l’HMB-45). Può essere impiegata la reazione a catena della polimerasi (PCR) per identificare gli RNA messaggeri per la tirosinasi. Queste tecniche sono più facilmente applicabili ad uno o due linfonodi sentinella che all’intero pezzo chirurgico proveniente da una linfoadenectomia.

 

Vantaggi dell’esecuzione della ricerca del  linfonodo sentinella

Questa tecnica minimamente invasiva consente un approccio selettivo alla linfoadenectomia; essa consente, quando necessario, l’esecuzione della linfoadenectomia precocemente durante il decorso della malattia, offre valide informazioni per la stadiazione ed infine consente di identificare quei pazienti che possono eventualmente essere arruolati ai diversi protocolli terapeutici definiti e previsti dalla Letteratura scientifica. 

 

In base al risultato dell'analisi del linfonodo sentinella (LS) si possono verificare due possibilità:

1)  LS negativo: il paziente viene seguito secondo schema di follow-up descritto successivamente, prendendo in considerazione in particolare i caratteri istopatologici del tumore primitivo.

2)  LS positivo: In caso di negatività dell'indagine TAC (assenza di altre localizzazioni) il paziente viene sottoposto a linfoadenectomia radicale del bacino linfonodale interessato secondo le linee guida riportate (di competenza del chirurgo di riferimento) ed a valutazione dell’oncologo di riferimento per valutare se esiste l’indicazione ad eseguire terapia oncologica.

 

?  Terapia chirurgica delle metastasi linfonodali

 La dissezione linfonodale terapeutica

Viene espletata dopo valutazione congiunta tra dermatologo di riferimento, oncologo di riferimento e chirurgo di riferimento, nei seguenti casi:

1)  in caso di positività del linfonodo sentinella per micrometastasi

2)  in caso di metastasi linfonodale.

Si sottolinea che la dissezione linfonodale profilattica non viene più eseguita. Gli studi randomizzati finora condotti non hanno infatti dimostrato una differenza significativa in termini di sopravvivenza. Si ricorre pertanto alla dissezione terapeutica solo in caso di reali metastasi linfonodali.

 

La linfadenectomia radicale

L’intervento chirurgico di linfadenectomia radicale è un intervento che necessita di tempi precisi, di accuratezza da parte del chirurgo ed è gravato da complicanze non trascurabili a seconda del bacino linfonodale sottoposto ad exeresi completa.

I distretti linfonodali che possono essere interessati dal trattamento di exeresi, in relazione alla sede del tumore primitivo sono i seguenti:

1)  inguinale-iliaco-otturatorio (l’inguinale superficiale e profondo, non è ritenuto sufficiente come estensione);

2)  ascellare;

3)  latero-cervicale.

La tecnica chirurgica necessaria al fine di eseguire un intervento considerato radicale e quindi volto ad ottenere la minima percentuale di recidiva regionale, molto variabile in letteratura: 0.8- 5 - 10 – 35- 52%, è ormai ben definita e standardizzata.

La linfadenectomia radicale, viene eseguita dal chirurgo di riferimento, secondo le linee guida sottoriportate:

1)  La linfadenectomia inguino-iliaca-otturatoria prevede l’exeresi dei linfonodi inguinali superficiali e profondi, iliaci esterni ed interni sino agli otturatori. Gli iliaci comuni vengono asportati fino al cerrefour aortico qualora vi sia positività evidente degli iliaci esterni. Comporta un’ampia incisione iliaca estesa dalla spina iliaca anteriore-superiore al legamento inguinale e poi verticalmente nel mezzo del legamento stesso sino all’apice del triangolo di Scarpa. Si procede dalla regione crurale con la preparazione del lembo cutaneo-sottocutaneo mediale sino al margine mediale del muscolo adduttore lungo e del lembo laterale sino al margine laterale del muscolo sartorio; si incide e si asporta la fascia dei muscoli sopraddetti in blocco con il tessuto linfograssoso dopo dissezione dei vasi femorali superficiali e comuni; si incide il legamento inguinale circa 2 cm lateralmente all’arteria femorale ed il muscolo obliquo esterno per permettere il caricamento mediale del sacco peritoneale senza interferire con il canale inguinale. Si procede alla linfectomia attorno ai vasi iliaci sino alla biforcazione e lungo l’arteria ipogastrica sino all’arteria e al nervo otturatori. Si posizionano due drenaggi in aspirazione, il primo sovralegamento-retroperitoneale ed il secondo nella regione crurale, entrambi vengono mantenuti a lungo in sede onde controllare ed evitare la complicanza linfocele  e/o linforragia. Si procede infine alla ricostruzione della parete addominale, del legamento inguinale e alla sutura cutanea.  La linfectomia inguino-iliaco-otturatoria non deve prevedere una duplice incisione senza l’apertura del legamento inguinale, tecnica che potrebbe renderla incompleta, e non ci si deve basare per estendere l’intervento alla regione pelvica sulla positività o negatività del linfonodo di Cloquet, anche se gli studi di Hughes, Shen, Strobbe ne enfatizzano il significato nel predire l’eventuale positività dei linfonodi pelvici. D’altra parte le complicanze postoperatorie (infezione di ferita, necrosi cutanea, sieroma/linforragia, linfedema) sono sovrapponibili per la linfectomia inguinale superficiale/vs quella inguino-iliaco-otturatoria.

2)  La linfadenectomia ascellare prevede l’exeresi dei linfonodi di I, II, III livello; l’incisione cutanea viene eseguita lungo il pilastro anteriore dell’ascella, al margine laterale del muscolo grande pettorale; la sezione del muscolo piccolo pettorale viene eseguita di necessità; si esegue la dissezione della vena ascellare, dei vasi sottoscapolari e del nervo toracico lungo estendendo l’asportazione in blocco del tessuto linfograssoso al margine del muscolo gran dorsale lateralmente, al muscolo sottoscapolare inferiormente e lungo la parete toracica sino alla IV costa medialmente.

3)  La linfadenectomia del collo prevede l’asportazione dei linfonodi del I, II, III, IV, V, VI livello ovvero dei linfonodi sottomentonieri e sovradigastrici, sottodigastrici (giugulo-carotidei superiori), giugulo-carotidei medi, sottoomoioidei (giugulo-carotidei inferiori), spinali (cosiddetto triangolo posteriore), prelaringei e infraparotidei. La dissezione deve essere “funzionale” risparmiando cioè, se possibile, la vena giugulare interna, il nervo accessorio ed il muscolo sternocleidomastoideo; la parotidectomia si esegue in casi selezionati: qualora vi sia positività certa dei linfonodi intraparotidei e/o qualora il melanoma primitivo abbia sede specifica nel volto e nel cuoio capelluto.

Mentre nei lavori pubblicati negli anni Ottanta le percentuali relative ad ogni complicanza segnalata appaiono particolarmente significative, la standardizzazione della metodica e l’esperienza hanno fatto sì che le complicanze siano ora accettabili.

In particolare l’infezione della ferita ha in letteratura frequenza compresa tra 9-20%; la necrosi cutanea tra 0-15%; la comparsa di linfocele e/o linforragia tra il 6-17%; mentre la complicanza tardiva più temibile ed invalidante, il linfedema, appare significativamente  frequente per il grado lieve-moderato (19-44%) assai meno per il grado severo (inferiore al 7%).

 

?  Terapia delle ricadute locali o linfonodali

 

I casi con questa presentazione sono candidati, se tecnicamente operabili, a intervento sulla ricaduta locale e/o linfonodale e a valutazione oncologica.

 

10. Terapia medica della malattia metastatica

Il paziente viene seguito in Oncologia Medica.

Sono previsti  dei protocolli terapeutici a seconda della fase di malattia. Il coinvolgimento di più organi nel melanoma avanzato è descritto. Analisi multifattoriali hanno dimostrato che metastasi non viscerali versus viscerali e coinvolgimento di singole sedi versus multiple rappresentano importanti fattori prognostici di sopravvivenza. Le metastasi di melanoma (oltre i linfonodi regionali) coinvolgono in ordine di frequenza: cute, sottocute, linfonodi distanti (dal 42 al 59%); i polmoni (dal 18 al 36%); il fegato (dal 14 al 20%); il cervello (dall'11 al 17%) e il tratto gastrointestinale (dall'1 al 7%).

Le nuove target-therapy hanno aperto nuove prospettive nella terapia del melanoma metastatico, come per esempio gli inibitori di BRAF in chi presenti tale mutazione o l’Ipilimumab.

 

Poiché esiste un rischio elevato di recidiva e di metastasi nel melanoma, è importante svolgere nel tempo una regolare indagine anamnestica ed un accurato  esame obiettivo, nel tentativo di scoprire malattia ricorrente trattabile. Tale esame permette inoltre di rilevare la presenza di un ulteriore melanoma primario e di identificare altra patologia tumorale cutanea non-melanoma.

Le "metastasi in transit" sono localizzazioni cutanee e sottocutanee comparse tra la sede di origine del melanoma e la stazione linfonodale satellite. Ogni caso va valutato singolarmente per terapia chirurgica, medica o per le metastasi "in transit" degli arti è necessario considerare la perfusione ipertermico antiblastica. Per questi ultimi è necessario valutare l’indicazione a tale terapia dopo accurata valutazione delle condizioni generali e della funzionalità degli organi ed apparati vitali. Accertata la fattibilità, verrà valutato il Centro specializzato in tale terapia.

Metastasi "in transit" in sede diversa: è indicato il trattamento chirurgico. Per casi non suscettibili di terapia chirurgica il trattamento va individualizzato. La chemioterapia e la radioterapia sono impiegate in queste forme.

In presenza di Metastasi ossee trova  indicazione il protocollo di Radioterapia ed è pertanto previsto la valutazione congiunta col Radioterapista.

E’ previsto, nel percorso della malattia, il coinvolgimento del supporto psicologico al paziente.

  

11. Il follow-up clinico-strumentale

Viene previsto il follow-up clinico strumentale in base allo stadio TNM di malattia,

Il follow-up clinico per pazienti con precedente diagnosi di melanoma è suggerito oltre il 5° anno con valutazione clinica  (fino al decimo anno secondo alcuni studiosi, per sempre secondo altri).

Le visite di follow-up dovrebbero essere più frequenti per pazienti con nevi e con melanoma familiare (la presenza di melanoma in due o più parenti di primo grado). La diagnosi di melanoma familiare non significa ereditarietà, ma identifica congiunti che hanno numerosi nevi che possono essere valutati per una maggior incidenza di sviluppare il tumore.

Le linee guida, alle quali si rimanda per la consultazione ai link sotto menzionati, definiscono per stadio di malattia le indicazioni sul follow-up clinico strumentale. È possibile consultare le linee guida ufficiali sui rispettivi siti web:

?  Linee guida provinciali: Dipartimento Oncologico Bresciano (DOB) www.dipobs.org

?  Linee guida regionali: Rete Oncologica Lombarda (ROL) www.progettorol.it

?  Linee guida nazionali: Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) www.aiom.it

?  Linee guida nazionali: Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (AGENAS) www.agenas.it

?  Linee guida europee: European Organisation for Research and Treatment of Cancer (EORTC) www.eortc.org

?  Linee guida internazionali: National Comprehensive Cancer Networg (NCCN) www.nccn.org

Per quando riguarda gli esami strumentali, gli esami che trovano impiego dopo aver confermato la diagnosi di melanoma con l'esame istologico e saranno programmati dallo specialista in base allo stadio della malattia. Potranno includere:

-  Radiografia del torace: Per valutare se il melanoma si è diffuso ai polmoni, i linfonodi del mediastino (lo spazio nel torace tra i polmoni), o le ossa della gabbia toracica.

-  Ecografia addome e linfonodi: L'ecografia utilizza onde sonore e permette di visualizzare le stazioni linfonodali del collo, ascelle, inguine e di eseguire ove necessario un prelievo bioptico o tramite agoaspirato. Inoltre, permette la valutazione degli organi interni, ponendo particolare attenzione al fegato.

-  TC: La TAC encefalo-torace-addome-pelvi con mdc permette la valutazione dettagliata e globale dell'intero corpo.

-  RMN (risonanza magnetica): viene utilizzata per approfondire sospetti diagnostici posti con altri test di imaging. La RMN è particolarmente utile per osservare il cervello, il midollo spinale, aree specifiche nell'osso.

-  PET (tomografia a emissione di positroni): Per una scansione PET, viene iniettato nel corpo glucosio radioattivo. Le cellule tumorali in genere assorbono il glucosio più rapidamente rispetto alle cellule normali, così vengono illuminate sulla scansione PET. Tuttavia, risultati falsi positivi sono abbastanza comuni, per cui i risultati devono essere verificati da altri test. 

  

12. Screening Familiare

Certi soggetti presentano un aumentato rischio di sviluppare melanomi o nevi  atipici (cd. nevi displastici: il termine appartiene alla definizione istologica): i parenti di primo grado che hanno nevi clinicamente atipici o nevi in numero elevato dovrebbero essere informati di questo aumentato rischio. Una volta informati, sarà il Medico di Medicina Generale che valuterà la necessità o meno di ulteriori controlli nevi dermatologico  ambulatoriale.

 

 Protocollo preparato con la collaborazione, per la parte di competenza, delle Unità Operative del Gruppo Multidisciplinare sul Melanoma Spedali Civili Di Brescia

 

Anatomia e Istologia Patologica

2° Chirurgia Generale

3° Chirurgia Generale

Chirurgia Plastica

Dermatologia

Immunologia Clinica

Istituto del Radio

3° Laboratorio analisi chimico cliniche

Medicina Nucleare

Oncologia Medica

1° Radiologia

2° Radiologia

Biblioteca Medica

 

 

 

 

 

Aggiornamento: 16 Aprile 2014

ultima modifica:  23/04/2014
condividi: Condividi su FaceBook Condividi su del.icio.us Condividi su Segnalo Condividi su NewsVine Condividi su ReddIt Condividi su Google